ACQUISTA CON WHATSAPP 333/3464142
Carrello 0
0
CARRELLO
PROFILO

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

Detergere, igienizzare, disinfettare

20/03/2020

Detergere, igienizzare, disinfettare: in questo periodo sentiamo spesso ripetere questi termini.
Conoscete le loro differenze?
Le loro differenze riguardano le loro diverse azioni.
 
In poche parole, per "detersione" si intende la pulizia dallo sporco, "igienizzare" invece significa eliminare gli agenti patogeni, "disinfettare" vuol dire igienizzare in maniera più profonda.
Un igienizzante è considerato un cosmetico, un disinfettante agisce grazie all'utilizzo di prodotti approvati dal Ministero della Salute con la dicitura "Presidio Medico Chirurgico".
La categoria di appartenenza è diversa, ma la loro funzione è la stessa.
 
Perché le categorie di appartenenza sono diverse?
Semplicemente perché un prodotto per diventare "presidio medico" (disinfettante) deve superare dei test di efficacia. Questo non significa che un igienizzante non sia efficace come un disinfettante, ma che non è stato sottoposto a questi test (per motivi di costi, tempi o semplice scelta della ditta produttrice): il fatto che contenga certi ingredienti dalla nota azione anti-batterica e anti-virale fa prevedere che il prodotto sia efficace. Ma senza certificazione viene chiamato in maniera generica "igienizzante".
 
Come agiscono questi diversi metodi di "pulizia" da batteri, virus e funghi?
In pratica sono in grado di denaturare le proteine dei microrganismi patogeni, alterandone la loro struttura, in particolare il loro rivestimento esterno, e uccidendoli.
 
La sostanza più utilizzata in questo periodo per svolgere questa azione è l'ipoclorito di sodio, ma viene svolta anche dal semplice sapone.
Certo non in maniera profonda come un igienizzante o un disinfettante, ma il motivo per cui le autorità insistono sul fatto di lavarsi spesso le mani sta proprio nel fatto che anche il semplice sapone rompe la scatole ai batteri e ai virus.
 
Ebbene sì, un virus che ha dimostrato di essere in grado di metterci in ginocchio, può essere messo ko dal semplice gesto di lavarlo via!
E questo per due motivi.
Per prima cosa perché essendo l'involucro della maggior parte dei virus, anche del Covid 19, formato da sostanze grasse, queste si agganceranno alla parte lipofila di cui è formato ogni sapone e verrà lavato via dalla nostra pelle al momento del risciacquo. E per seconda cosa perché il sapone, agganciandosi alla parte grassa del loro involucro esterno, ne disgrega la struttura e porta così alla disattivazione dell'attività del virus e alla sua conseguente morte.
 
Anche gli igienizzanti e i disinfettanti agiscono proprio in questo modo: rompendo l'armatura dei virus e dei batteri e rendendoli vulnerabili, fino ad ucciderli.
 
Questa azione può essere svolta da sostanze specifiche come l'ipoclorito di sodio oppure come l'alcool, che agiscono modificando e alterando la struttura degli agenti patogeni e impedendogli così di svolgere le proprie funzioni.
 
Anche gli oli essenziali svolgono azione anti-batterica e anti-virale, alcuni più di altri, come il Tea tree, il Timo, i chiodi di Garogano, la Cannella, il Limone.
Per questo non è raro ritrovarli in prodotti usati per difendersi da batteri, virus e funghi.
 
Le forme in cui si possono trovare prodotti igienizzanti e disinfettanti da usare quando si è fuori casa e non si ha a portata di mano acqua e sapone sono diverse: crema, gel o spray.
La diversa forma non diminuisce il potere e l'azione del prodotto.
Ognuno sceglierà quella più pratica a seconda delle sue esigenze.
Certo la versione in spray è sicuramente più versatile perché può essere utilizzata non solo per la pelle, ma anche per igienizzare gli ambienti, le superfici e i tessuti.
 
Una volta essersi lavati le mani e/o dopo aver utilizzato prodotti igienizzanti e disinfettanti, sarebbe utile spalmare, almeno alla sera prima di andare a letto, della crema nutriente per evitare che la pelle possa andare incontro a desquamazioni e irritazioni: sapone, alcool e sostanze sintetiche disinfettanti possono infatti risultare aggressivi, soprattutto se usati spesso, e riequilibrare e ripristinare il film idrolipidico della pelle è fondamentale perché non si danneggi.
 
Se si scelgono saponi e prodotti igienizzanti arricchiti di ingredienti idratanti nella loro composizione, come oli vegetali, gel di Aloe o glicerina, saranno un ulteriore aiuto per la pelle per non seccarsi e non sensibilizzarsi troppo.