ACQUISTA CON WHATSAPP 333/3464142
Carrello 0
0
CARRELLO
PROFILO

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00

Vai al carrello

Autunno: è tempo di aumentare le difese immunitarie

22/01/2016

L’autunno è la stagione più a rischio per contrarre raffreddori e non solo.

E’ il momento giusto quindi per aiutare il nostro sistema immunitario a reagire e ad innalzare il suo scudo protettivo.

Quando la temperatura comincia ad abbassarsi, spesso con sbalzi repentini, cominciano i cosiddetti “mali di stagione”.
Il freddo rallenta il movimento delle ciglia vibratili che rivestono le mucose dell’apparato respiratorio e che ci proteggono dalle impurità, dalle polveri e dai microbi che inaliamo respirando. Quando questo movimento diventa troppo lento non è più una barriera efficiente e i virus possono prendere il sopravvento.

Alcune persone si ammalano più difficilmente di altre perché hanno un efficiente sistema immunitario, che preserva dal contrarre infezioni e malattie.

Vi sono vari fattori che possono indebolire le nostre difese: stress fisico e psichico, assunzione di alcuni tipi di farmaci, depressione, malattie croniche, insonnia, …

Nei bambini le difese sono più fragili perché il sistema immunitario non si è ancora sviluppato completamente, mentre negli anziani le difese diminuiscono a causa del fisiologico invecchiamento dell’organismo.

La Natura può aiutarci a potenziare il nostro sistema immunitario attraverso diverse sostanze. Per esempio gli antiossidanti, come la Papaya e il Resveratrolo.
Possiamo fare il pieno di sostanze antiossidanti attraverso il cibo; se però la nostra alimentazione non fosse varia e bilanciata e abbastanza ricca di frutta e verdura, alimenti che maggiormente contengono antiossidanti, esistono ottimi integratori che possono rifornire il nostro organismo di queste importantissime sostanze.

Anche la Propoli è ricca di antiossidanti. In più possiede un’azione antibatterica e antivirale ormai dimostrata, quindi è utilissima in caso di raffreddore, mal di gola e influenza.

Come difesa per l’organismo sono molto importanti i fermenti lattici probiotici, che hanno la capacità di contrastare la crescita di microrganismi patogeni, legandosi ad essi e disattivandoli, impedendone così l’insediamento nell’organismo e stimolando la formazione di anticorpi.

Tante poi sono le piante officinali che contengono principi attivi immunostimolanti (capaci cioè di stimolare la risposta immunitaria) e immunomodulanti (capaci cioè di aumentare o ridurre l’intensità della risposta immunitaria a seconda della necessità): l’Echinacea prima di tutte, l’Uncaria, l’Astragalo, la Rosa canina e altre. L’Echinacea ha un’azione antibiotica, antinfiammatoria, antivirale e soprattutto immunostimolante.
Quest’ultima sua azione si manifesta tramite l’aumento di particolari globuli bianchi, che fagocitano, cioè inglobano per distruggerli, gli agenti patogeni come virus e batteri.

Una spiccata azione immunomodulante contro batteri e virus la offre L’Uncaria.

Altre piante utilissime contro i malanni della stagione fredda sono Rosa canina e Acerola perché ricche di Vitamina C, che contengono in percentuale più alta anche degli agrumi.

La Vitamina C ha un ruolo antiossidante e anti radicali liberi, importanti nelle risposte immunitarie da infezioni da batteri o da virus.

Un’altra pianta da sempre usata per le sue proprietà diuretiche, lassative, anti-nevralgiche, anti-reumatiche e sudorifere è il Sambuco.
Nella tradizione popolare viene chiamato l’aspirina vegetale per l’effetto sudorifero che provoca: utile perciò per combattere il raffreddore, la febbre e l’influenza.

Un importante aiuto ci viene offerto anche dalla Micoterapia: funghi come il Reishi e l’Agaricus sono di ottimo supporto per il nostro sistema immunitario e possono essere degli ottimi “vaccini” contro virus e batteri.

Oltre alla Propoli, un altro prodotto delle api molto efficace contro i malanni di stagione è il miele di Manuka: ha una potente azione antibiotica, che può risolvere le infezioni batteriche velocemente e senza gli effetti collaterali degli antibiotici classici.
Anzi regalandoci anche tono ed energia!

Anche il mondo dei metalli può aiutarci e non poco.
Da una soluzione di Argento in un solvente in cui l’Argento non si sciolga, si ottiene una sospensione detta “colloide”: da qui il nome di Argento colloidale.
​​​​​​​L’Argento colloidale ha una forte azione antibiotica (anche contro i batteri antibiotico-resistenti) ed è attivo anche contro i virus e i funghi. In più aiuta anche come preventivo. Si può quindi proprio attribuirgli il titolo di “gioiello”!
#autunno #bio #clorofilla #difese-immunitarie #erboristeria